Napoli: quando i monumenti del gusto incentivano l’arte

Napoli: quando i monumenti del gusto incentivano l’arte

L’unione tra cultura e gusto è sicuramente vincente: sono diverse centinaia, infatti, i napoletani e non che stanno aderendo all’iniziativa di Vincenzo Ferrieri, ideatore della SfogliaCampanella (la sfogliatella riccia con il cuore di babà), che regala questo dolce a chiunque mostra un biglietto d’ingresso ad un museo napoletano alla cassa dello store Sfogliacampanella ubicato in via San Biagio dei Librai (al civico 110). Per tutta la durata del “Maggio dei Monumenti” cittadini e turisti – dopo aver visitato un monumento, un museo o qualsiasi altro luogo emblema della cultura napoletana che prevede un biglietto d’entrata – potranno dirigersi presso la pasticceria e ritirare, senza alcuna spesa aggiuntiva, il famoso dolce semplicemente esibendo il ticket.
L’idea a monte del dolce che ho creato – spiega Vincenzo Ferrieri – consiste nel connubio tra due perle del gusto partenopeo: la sfogliatella e il babà“. “Ora voglio fare in modo – continua - che i sapori partenopei possano sposare la cultura napoletana, farsi promotori di quest’ultima…”.
La Sfogliacampanella
Non è una sfogliatella, non è un babà, né tanto meno un dolce alla ricotta. Una ricetta rimasta per quasi un secolo nella memoria di una storica famiglia di pasticceri partenopei, i Ferrieri, torna a vivere. La sintesi della tradizione pasticcera del capoluogo campano si chiama “Sfogliacampanella”, un dolce che non finisce mai di stupire con i suoi tre strati di gusto: presenta all’esterno la sfogliata a pasta riccia e dentro, avvolto in un cuore di cioccolato e in una raffinata mousse a base di ricotta, il babà in versione mignon. Sembra facile ma non lo è. Il segreto è nella crema di ricotta miscelata. Diverse le varianti golose in cui questo dolce viene proposto: classica, cioccolato, cioccolato bianco, pistacchio, arancia, caffè, croccantino… ed in occasioni speciali il suo ripieno sposa altri dolci della tradizione culinaria italiana, come il panettone e la pastiera!
 

Leave a Reply